Inseriti i materiali del progetto "Guadagnare salute: competenze chiave e life skills nella scuola del primo ciclo"
- Un progetto congiunto USR Veneto, Regione Veneto, ULSS 9 Treviso -
(clicca qui per vedere)

I Progetti FSE per la descrizione, valutazione e certificazione delle competenze

Da Piazza delle Competenze.

Indice


Documento

I PROGETTI FSE SULLE COMPETENZE AVVIATI A SEGUITO DELLA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO N. 1758 DEL 16.06.2009
a cura di Franca Da Re
(scarica il pdf)

Premessa

Il 16 giugno 2009, la Regione del Veneto, con DGR n. 1758, emanava un bando Fondo Sociale Europeo POR 2007-2013 - Obiettivo Competitività regionale e occupazione - Direzione Regionale Lavoro - Asse IV – CAPITALE UMANO - Categoria di intervento 72 - "AZIONI DI SISTEMA PER LA REALIZZAZIONE DI STRUMENTI OPERATIVI A SUPPORTO DEI PROCESSI DI RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE".
Il bando era diretto alle scuole, agli Enti di Formazione, alle Università per la descrizione, valutazione e certificazione delle competenze acquisite in ambito formale (linea A) e a tutti gli Enti interessati per il riconoscimento, la validazione e la certificazione delle competenze acquisite in ambito non formale (linea B).

Le Reti

Delle reti partecipanti al bando sono state finanziate sette reti con capofila le istituzioni scolastiche:

  • ITIS BARSANTI di Castelfranco Veneto
  • ITSCT EINAUDI di Padova
  • IS RUZZA PENDOLA di Padova
  • IS MARCO POLO di Verona
  • IPSIA GARBIN di Schio
  • LICEO BROCCHI di Bassano del Grappa
  • IS SANMICHELI di Verona

Le prime cinque reti si sono riunite a loro volta in un consorzio denominato "RETE VENETA DELLE COMPETENZE" coordinata dall’ITIS Barsanti.
Il consorzio ha condiviso il medesimo Comitato Tecnico Scientifico[1] e lo stesso modello di descrizione, valutazione e certificazione delle competenze.
Anche il Liceo Brocchi[2], pur non appartenendo al Consorzio, ha seguito un modello molto simile e per certi versi sovrapponibile di descrizione dei risultati di apprendimento dei profili liceali.

Ai parternariati di rete partecipano circa 150 enti, tra scuole, CFP, associazioni datoriale e professionali, Enti del territorio..

Nelle diverse attività è coinvolto quasi un migliaio di docenti delle diverse province del Veneto.

La descrizione dei risultati di apprendimento

Per la descrizione dei risultati di apprendimento si sono presi come riferimento i profili in uscita previsti dai Regolamenti di riordino della scuola secondaria di secondo grado del 2010.
Si è scelto come strumento di descrizione la “rubrica” costituita da tre sezioni:

  • sezione A: descrizione del percorso formativo in termini di competenze, abilità e conoscenze. Le competenze di riferimento sono quelle previste dal DM 139/07 per il biennio e dai Regolamenti del 2010; per i CFP, le competenze comuni sono quelle del DM 139/07 sull’obbligo di istruzione e quelle dell’Accordo Stato Regioni del 05.02.2009 come competenze di profilo. Le abilità e le conoscenze relative alle competenze dei Regolamenti 2010, sono state ricostruite a partire dalle Linee Guida per i Licei; da documenti di lavoro delle Commissioni Ministeriali per i Tecnici e i Professionali.

Le competenze comuni, per tutti gli ordini di scuola, sono state raggruppate nelle otto competenze chiave europee, delle quali sono diventate competenze specifiche.

  • sezione B: nella sezione B vengono esplicitate le “evidenze”, ovvero le categorie di performance che esplicitano la competenza agita; i saperi essenziali, ovvero le conoscenze, i contenuti, i concetti che vengono ritenuti irrinunciabili; i compiti significativi, ovvero gli esempi di compiti che si possono affidare agli allievi perché agiscano in termini di competenza.
  • sezione C: i livelli di padronanza della competenza formulata sul modello EQF. Una breve descrizione rende conto delle conoscenze, delle abilità e del grado di autonomia e responsabilità con cui vengono agite sui primi quattro livelli EQF (tre per la formazione professionale). I livelli di padronanza sono strumento essenziale per la valutazione e certificazione delle competenze.

Gli strumenti della didattica per competenze

Sono state costruite Unità di Apprendimento con focus prevalente sulle competenze comuni e UDA con focus prevalente sulle competenze di profilo.
Le UDA sono corredate di consegna agli allievi, piano di lavoro, diagramma di Gannt, esempio di griglia per la valutazione delle dimensioni di processo.

Gli strumenti per la valutazione delle competenze

Nei diversi progetti saranno messe a punto “prove esperte” per la valutazione delle competenze. L’operazione di redazione e la somministrazione delle prove esperte ha conclusione prevista per la primavera 2011, quando, in linea di massima, è prevista anche la conclusione dei progetti.

I progetti delle Reti

Istituto capofilaDenominazione Progetto
ITIS BARSANTI di Castelfranco VenetoCOMPETENCES IN PROGRESS
ITSCT EINAUDI di PadovaSTRUMENTI PER PROFESSIONISTI E CITTADINI COMPETENTI
IS RUZZA PENDOLA di PadovaDal Veneto all'Europa: promuovere e certificare competenze per far emergere talenti
IS MARCO POLO di VeronaIndividuazione comparabilità e trasferimento delle competenze in sistema educativo integrato: descrivere e valutare i percorsi scolastici
IPSIA GARBIN di SchioRete di competenze
LGS BROCCHI di Bassano del GrappaRete dei licei


I materiali realizzati

Linee guida (autore: CTS RVC)

Descrizione dei risultati di apprendimento (autori: le Reti)

Ogni rete ha descritto i risultati di apprendimento relativi a diversi profili


Supplemento al certificato


Strumenti di didattica per competenze: Unità di Apprendimento e prove esperte (autori: le Reti)

Ogni rete ha elaborato repertori di Unità di Apprendimento e prove esperte relativamente a diversi profili.



Ricerche documentali (autori: le Reti)

Sono stati realizzati, inoltre, le seguenti ricerche documentali

Strumenti per i passaggi entro e tra i sistemi

Attività di sperimentazione

PUBBLICAZIONE FINALE

Note

  1. Fanno parte del CTS della Rete Veneta delle Competenze:
    Franca Da Re - Dirigente scolastico, Formatore;
    Alberto Ferrari - Docente di scuola secondaria di secondo grado; Esperto di orientamento; Progettista;
    Dario Nicoli - Docente di Sociologia economica, del lavoro e dell'organizzazione presso l'Università Cattolica di Brescia, membro delle Commissioni del MIUR per la riforma degli Istituti Tecnici e Professionali;
    Arduino Salatin - Direttore dell'Iprase, membro e coordinatore delle commissioni del MIUR per la riforma degli Istituti Tecnici e Professionali e dei Licei;
    Maria Renata Zanchin - Formatore, Progettista, Esperta in Ricerca didattica e counseling formativo
  2. Fanno parte del CTS della rete del Liceo Brocchi:
    Andrea Garzotto - Responsabile Risorse Umane, Vitecgroup spa;
    Maddalena Lazzarotto - Dirigente scolastica, Formatrice;
    Daniele Marini - Direttore della Fondazione Nord Est, Docente di Sociologia dell'educazione, Università degli Studi di Padova;
    Gianna Miola Cortese - Dirigente Ufficio I, USRV;
    Dario Nicoli - Docente di Sociologia economica, del lavoro e dell'organizzazione presso l'Università Cattolica di Brescia, membro delle Commissioni del MIUR per la riforma degli Istituti Tecnici e Professionali;
    Damiano Previtali - Dirigente scolastico, Esperto INVALSI, Responsabile del sistema di valutazione della dirigenza scolastica
Strumenti personali